14.11.11

Strega Bistrega

domenica 20 novembre ore 16.30
Una strega ostinatamente ignorante, quasi una sopravvissuta di una tradizione streghesca antica e superata. Non sa, o non vuole saperne di più. Una fame atavica la divora.  Deve trovare da mangiare e non è facile, e allora anche un bambino diventa un pasto invitante. 
Una figlia ignorante anche lei, ma curiosa. Di una curiosità  particolare per una giovane strega che conosce di fatto solo erbe,frutta,intrugli magici e bestie boschive. Esistono altri esseri al mondo? E come sono fatti? Come sono fatti i bambini?
...”Boh...!” risponde la Strega, ma la curiosità della figlia diventa anche la sua.
E poi un bambino:presenza e assenza. I suoi giochi, le sue abitudini. Ripreso e sorpreso nella sua quotidianità. Cosa c’entra lui, così normale, col mondo delle streghe? Ma il suo sguardo ha un luccichio, insondabile.
...Un ponte tra la realtà e la fantasia?
Ma se già il bambino in tutte le fiabe è preda inafferrabile, in questa storia lo è ancora di più.  I linguaggi scenici usati, quello teatrale e quello cinematografico, accentuano la distanza tra mondi antitetici, rendono vano ogni tentativo delle streghe, segnano poeticamente quella che, forse, è la distanza incolmabile tra il mondo infantile e il mondo degli adulti.
Accade però, forse per magia,che gli estremi si tocchino, che la realtà si fonda con la fantasia. E la tradizione streghesca, antica e mai superata, dia infine alla luce un “frutto” che si perpetui nel tempo.
produzione Ruotalibera Teatro
testo e regia Fabio Traversa
con Cora Presezzi, Fabio Traversa e la partecipazione in video di Dawid Job Wasiulevska Rocca
scene Francesco Persico
costumi Valentina Bazzucchi
disegno luci Martin Beeretz
riprese e regia video Fabio Traversa
postproduzione Lucia De Amicis
promozione e organizzazione Paola Meda
ufficio stampa e organizzazione Serena Amidani
Ha collaborato alla drammaturgia e alla regia Tiziana Lucattini
età consigliata: dai 3 ai 10 anni - posto unico € 5,00